0438 1890602

Pellicole di sicurezza

Pellicole di sicurezza per vetri, perché usarle ?

Vetri sicuri con le pellicole di sicurezza per vetri: avere cura dell’integrità delle persone
L’applicazione delle pellicole di sicurezza migliora, e di molto, la sicurezza dell’ambiente in cui si vive: dalla doccia al parapetto, dalla camera dei bambini all’ufficio, dai luoghi pubblici alle scuole, il vetro in frantumi simboleggia uno dei rischi più sottovalutati, ed è potenzialmente presente in tutti gli ambienti che l’essere umano frequenta. E se si sceglie la pellicola trasparente l’impatto visivo è praticamente nullo, senza alterazioni dell’aspetto originario.

Una barriera trasparente, solida ma fragile
Il vetro è un materiale duro e allo stesso tempo fragile che, a seguito di urti o imperfezioni, può infrangersi. La rottura in piccole schegge è una caratteristica del vetro temprato, che si ottiene attraverso un processo di lavorazione speciale. Altri vetri invece, rompendosi, producono vere e proprie lame di varie grandezze. Purtroppo non sono rari i casi in cui, senza una apparente ragione, il vetro si riduce in frantumi: la causa è riferibile alla presenza di impurità microscopiche presenti nella struttura.

Le cause che riducono la sicurezza dei vetri, in mille pezzi
Tra le cause per cui il vetro cede, ricordiamo a puro titolo di esempio: la scheggiatura di un bordo; una lavorazione della superficie che indebolisce la struttura; il telaio che fa da cornice e che crea in alcuni punti delle tensioni critiche; il trasporto o la posa in opera, che in una delle fasi di esecuzione ha stressato il materiale. Ma anche per atti di vandalismo o per il semplice fatto di essere sottoposto alla pressione del vento. Il vetro può anche esplodere a seguito degli sbalzi di temperatura che si hanno, per esempio, in una doccia, oppure a seguito di un urto accidentale con il proprio corpo. Ma anche chiudere una finestra con troppa forza può essere una causa di rottura.

Messa in sicurezza dei vetri: le pellicole di sicurezza per vetri come alternativa vantaggiosa alla sostituzione
Le produzioni più recenti prevedono la inframmezzatura di uno strato di resina speciale, il PVB, tra due lastre di vetro: è il vetro laminato, o stratificato. Il suo impiego è molto sicuro in quanto, a seguito della rottura, i frammenti rimangono in sede evitando di colpire persone o cose poste nelle immediate vicinanze. Ma cosa fare se già abbiamo le vetrate e non vogliamo o possiamo sostituirle con questi vetri stratificati? Possiamo avere dei vetri sicuri applicando una pellicola per vetri, cioè una pellicola formata da strati di poliestere; questa svolge la stessa azione del PVB del vetro stratificato: in caso di frantumazione la pellicola di sicurezza per vetri tiene i vari frammenti uniti, evitando che questi si disperdano nell’ambiente come proiettili e possano ferire o, in qualche caso estremo, togliere la vita a chi fatalmente si è trovato nei paraggi.

Quali vetri diventano sicuri con le pellicole di sicurezza per vetri
Sia i vetri temprati che i vetri più vecchi ottenuti tramite il processo di colatura (per intenderci quelli che distorcono la visuale) possono beneficiare dell’applicazione di una pellicola di sicurezza per vetri per migliorarne la resistenza e la sicurezza: questo significa anche preservare la storicità e l’originalità del contesto in cui il vetro stesso è inserito. La resistenza finale che si ottiene, e quindi la forza del nuovo sistema vetro-pellicola che si è formato, è principalmente determinata: dallo spessore della pellicola, dalla forza adesiva che tiene la pellicola coesa al vetro, dalla qualità della messa in opera e dalle caratteristiche di resistenza del telaio che ospita il vetro.

Le pellicole per la sicurezza dei vetri contro gli attacchi di malintenzionati
Le pellicole di maggior spessore rendono i vetri subito più forti e più resistenti anche dagli attacchi di chi tenta una effrazione. Una vetrata è vista come l’elemento più debole per tentare una violazione: l’applicazione della giusta pellicola regala la tranquillità necessaria per proteggere l’ambiente da un intruso: offre una forte opposizione all’impatto e un decadimento della resistenza molto lento, dando la possibilità di organizzare la difesa e permettere l’arrivo delle forze dell’ordine. La vetrata, anche se frantumata, grazie alla presenza della pellicola rimane in posizione, anziché cadere e permettere un accesso senza ostacoli.

La pellicola rende i vetri più sicuri anche innanzi agli eventi naturali
In molte parti d’Italia, purtroppo, l’attività dei terremoti è sempre più insistente: durante questi eventi, il movimento della terra si trasmette all’edificio, potendo far esplodere le vetrate. Oltre ai danni alle persone che la proiezione di schegge possono causare e che, come abbiamo visto, possono essere anche letali, un edificio che ha subito una scossa di terremoto e che presenta i vetri rotti non è in grado di difendere il suo contenuto sia dagli agenti atmosferici che dai ladri.
Un altro evento che può portare alla frantumazione di un vetro è rappresentato dagli oggetti trasportati dal vento forte durante una pioggia, o in prossimità di una tromba d’aria. Il vento aumenta anche di molto la velocità di proiezione delle schegge di vetro, aumentandone il potenziale pericolo per le persone e le cose che si trovano nel loro raggio di azione.

Sistemi di fissaggio delle pellicole ai telai: vetri ancora più sicuri
Per aumentare esponenzialmente la sicurezza che offrono le pellicole applicate ai vetri, l’ancoraggio del sistema vetro-pellicola al telaio rappresenta la soluzione definitiva, in modo da far diventare un corpo unico il vetro, il bordo della pellicola e il telaio che contiene il vetro. Questa fusione definitiva può essere raggiunta principalmente attraverso due tecniche. La prima tecnica prevede l’uso di mastici speciali o siliconi adesivi creati proprio per adempiere questi particolari compiti: ovviamente il legame tra la vetrata ed il telaio va fatto cercando di non coinvolgere l’eventuale guarnizione presente, che rappresenta un punto debole. La seconda tecnica invece prevede l’uso di sistemi di ancoraggio metallici che, fissati al telaio, rappresentano dei punti di resistenza superiore. Quest’ultima soluzione è stata testata con successo anche per resistere all’impatto della forza sviluppata dalla esplosione di un ordigno.

Le caratteristiche tecniche delle pellicole di sicurezza per vetri
Lo spessore delle pellicole di sicurezza per vetri è generalmente di 0,1 millimetri (100micron), ma anche pellicole da 200 o addirittura 500 e più micron possono essere applicati, in base allo spessore del vetro sottostante e alla resistenza all’impatto richiesta. L’applicazione generalmente si fa sulla superficie che è posta all’interno, ma ciò non esclude un’applicazione esterna, se necessaria a soddisfare particolari requisiti. Le pellicole di sicurezza per vetri possono essere completamente trasparenti oppure in un’unico prodotto unire le proprietà schermanti antisolari+ la sicurezza o l’effetto privacy della satinatura + la sicurezza.

Pellicole di sicurezza
Pellicole antisolari, Pellicole di sicurezza
Pellicole satinate, Pellicole di sicurezza
Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. OK Maggiori informazioni